Spore di Felce Regina (Platycerium wandae)

Confezione di spore di Felce Regina Corna di Cervo della Nuova Guinea (Platycerium wandae)

Maggiori dettagli

4 Articoli

spedizione gratuita per ordini superiori a 25€!

€ 5.90

Dettagli

Bellissima ed insolita Felce epifita proveniente dalla Papua Nuova Guinea dalle caratteristiche fronde a corna di cervo. Alta fino a circa 1.8 metri – 2.4 metri di altezza. Non è proprio una Felce Arborea, ma si potrebbe denominarla Felce Arbustiva, anche perché è sprovvista di tronco/rizoma. E’ la più maestosa tra tutto il Genere delle Platycerium.

Le fronde sono profondamente lobate e al tatto sono coriacee. Le fronde verde pisello fertili hanno due lobi con lunghe corna appese al di sotto del loro bordo inferiore. Tra questi due lobi, sulla parte inferiore della fronda vi è una grande accumulo di spore. Ogni frutto fertile presenta anche un secondo accumulo di spore situato sul lato inferiore del grande lobo triangolare. Questa specie è facilmente identificabile dagli orpelli notevoli attorno al germoglio di crescita centrale. Questi orpelli sono visibili solo nella Felce Regina Corna di Cervo della Nuova Guinea. Ha una crescita veloce, tanto che in soli 6 anni è già adulta. Nelle loro terre di origine hanno la caratteristica di crescere spontanee sugli alberi, alla biforcazione dei rami o nelle anfrattuosità del tronco.

La temperatura ideale di questa particolare Felce è tra 15.5 °C e 37.8 °C.

Vista la quasi assenza di mercato di questa stupenda Felce in Italia, e la scarsissima resistenza alle gelate invernali, la si potrebbe coltivare solo in appartamento. All’aperto la si potrebbe porre solamente in Puglia (nelle zone salentine), vicino alle coste calabresi e campane, in Sicilia e in Sardegna.

Come riprodurre la Felce Regina Corna di Cervo della Nuova Guinea (Platycerium wandae) dalle spore.

Si usa un substrato 50% torba e di 50% perlite con granuli di 1/16 pollici insieme a terra di dolomite (usare 1/16 di cucchiaio da the per una tazza di torba). Aggiungere acqua piovana. Infine si sterilizza il tutto in un forno da microonde (4 minuti per tazza di miscela a 800 Watt). Questa è un’operazione molto importante affinché si uccidano muffe, germi, erbacce, funghi, ecc. o qualunque corpo estraneo che potrebbe competere con i protalli in crescita.

Preparazione dei contenitori per la semina

Lavare bene i contenitori (che possono essere sia di plastica, sia di vetro) ben coperti da un foglio di plastica traspirante e gli utensili per la semina. Sterilizzare il tutto immergendo in una soluzione al 10 % di varechina per 30 minuti e risciacquare con acqua precedentemente bollita. 

Preparazione della superficie di semina 
Trasferire il terreno nei contenitori per semina e riempire ogni contenitore con circa1/4 pollice di terreno.
Preparare una piattaforma di semina pulendo con varechina al 10 %. Tenere le seguenti cose a portata di mano: due pennelli, una spatola di 1 cm, un foglio morbido di carta per pulire morbida diviso in due quadrati, e un phon. 
Le spore necessitano di una pellicola sottile di superficie umida su cui stare in sospensione in modo da completare il processo di riproduzione, perciò la superficie di semina deve essere pressata molto fermamente. 

Semina delle spore 
Usare la spatola o il pennello per spazzolare le spore all’interno del contenitore di semina. Non coprire mai le spore. Assicurarsi che il contenitore della semina non rimanga aperto per più di pochi secondi. 
Usare il phon (magari a 120 °C) per pulire la spatola e/o il pennello tra una semina e l’altra. 
Una volta seminato il contenitore dovrebbe essere coperto con un foglio di plastica o vetro (lasciando un po’ di spazio d’aria) e tenuto a 20°C alla luce diffusa, ma non al buio. Le spore germinano in circa 2-6 settimane. 

8 altri prodotti della stessa categoria: